Papa a tempo determinato

Tocca a me? Papa a tempo determinato?

Tocca a me? Papa a tempo determinato?

Contrassegnato da tag , ,

Apriporta per vecchine

Aprire porte dei bar per vecchine scorbutiche che arrogano diritti di precedenza sul caffè la mattina. Salario medio: 2 centesimi ad apertura.
#nuovilavori

Contrassegnato da tag

La carriera come una scalinata

Non conta quanti scalini fai, o quanto velocemente cerchi di arrivare in cima: attento, che prima o poi inciampi.

#equilibrioprecario

Contrassegnato da tag

Da A a B, passando per un nuovo vero lavoro

Da un punto A a un punto B. Ci sono infiniti modi per spostarsi nello spazio, partire da un’origine e arrivare a una meta. C’é anche una soluzione migliore, che magari é la linea retta, il percorso piú breve, o magari no. Credo che l’importante sia spostarsi, comunque. Iniziare il viaggio e sperare di arrivare in fondo. Se poi facciamo una sosta non sará un dramma, la parte difficile é giá stata fatta. E questo vale anche per noi, soprattutto per noi, che passiamo parecchio tempo a sognare di raggiungere nuovi lidi, o almeno un nuovo, vero, lavoro.

Contrassegnato da tag

Essere incompresi è un male necessario

Penso che a tutte le persone nella propria vita capiti prima o poi di sentirsi incomprese. Essere incompresi è anche un male necessario, se si vuole essere un pioniere, in quanto per innovare guardando al futuro, hai bisogno di vedere ciò che gli altri non vedono ancora. In questo senso, mi auguro di rimanere sempre un incompreso!

Giuseppe D’Antonio, fondatore e Ceo della startup CircleMe, in un’intervista su Wired.it.

Contrassegnato da tag ,

200mila lavoratori dispersi

Dal 2008 ad oggi 200mila nuclei familiari hanno perso almeno un lavoratore. Per ritrovarli ingaggiato un headhunter, ma a tempo determinato.

Contrassegnato da tag ,

Flashmob precario a Pescara (affittasi amante)

20120608-152246.jpg

Giovani precari: lunedì 11 giugno alle ore 20 ci sarà un flash mob davanti all’entrata dell’Ipercoop, a San Giovanni Teatino, vicino a Pescara. L’iniziativa è promosso da due ragazze abruzzesi, Aurora Di Benedetto e Maria Claudia Filippone.
Magari ci sono amanti in affitto, ma solo con contratto a progetto, come nella foto dell’Isola dei Cassaintegrati.

Contrassegnato da tag ,

In Italia si vive bene, a meno che…

italia bel paese crisi lavoro

In Italia si vive bene, a meno che…

Contrassegnato da tag , , ,

Sei felice?

infografica sei felice

(infografica)


Sei felice? Sì? Continua a fare quello che stai facendo, qualsiasi cosa sia. No? E vuoi esserlo? Cambia qualcosa (magari partendo proprio dal tuo lavoro)

Contrassegnato da tag ,

Cercasi apprendista con esperienza

apprendista
n m/f apprendista (apprendisti pl. m): principiante chi è agli inizi del mestiere

Cercasi apprendista con esperienza

Cercasi apprendista con esperienza

E come faccio ad avere già esperienza se il lavoro, in quanto apprendista, lo devo ancora imparare?

Contrassegnato da tag

Nuove forme di protesta contro il caro benzina

protesta caro benzina pompa distrutta

Un povero benzinano del nord italia

Nuove forme di protesta contro il caro benzina? E intanto mi ha mangiato 20 euro…

Contrassegnato da tag , ,

Meglio morto che precario

meglio morto che precario giovanni parrotta

Il libro "Meglio morto che precario" di Giovanni Parrotta

“Meglio morto che precario”. Lo leggo su Twitter, in una pausa caffè. È il titolo del libro di Giovanni Parrotta. Non ho resistito e l’ho contattato immediatamente; del resto, tra precari ci si intende subito.

Michele, 29 anni, è un giovane animato da grandi speranze. In un lungo flashback, rivive la spensieratezza della sua gioventù: l’adolescenza, gli amici, la vita da liceale, le sue ambizioni sportive, i sogni e le esperienze con la droga e l’alcool, la parentesi universitaria.Apparentemente un ragazzo come tanti, Michele è tuttavia costantemente tormentato da dubbi e incertezze. Giovane idealista e disadattato, precario da sempre, verrà presto catapultato, senza protezione alcuna, nel mondo reale e, risucchiato dal vortice del lavoro nero e dello sfruttamento, il ragazzo si rifugerà nella più totale solitudine.

A Giovanni ho chiesto 10 buoni motivi per comprarlo e, quindi, consigliarlo a tutti noi precari.
Ecco la sua risposta:

1. perchè sei così disperato che appena leggi il titolo dici: ma che cazzo ha scritto questo qui, Meglio vivo che morto
2. perchè sei sei disoccupato in questo momento quel cappio lo utilizzeresti con chi ti dice: le faremo sapere
3. perchè se sei masochista è il libro che fa per te
4. perchè in realtà il protagonista è una escort grigia del ’93
5. perchè se stai leggendo questa lista molto probabilmente non hai un cazzo da fare e il tuo vicino ha il wifi senza protezione
6. aspetta fino alla 10 compra il libro, bestemmia per l’acquisto, e comincia a leggere
7. il tuo ego dopo averlo letto potrebbe fare harakiri
8. prima di partecipare alle prossime manifestazioni penserai seriamente a portare con te un paio di molotov e un piede di porco per sfondare le vetrine delle banche anche se si tratta di una processione parrocchiale
9. perchè il posto fisso è così noioso che non avendo i soldi per la coca si tenta il suicidio per provare emozioni forti
10. perchè speravo di non aver ragione scrivendo questa storia

Tutte le informazioni e la scheda del libro qui (e per i piùsocial-addicted, anche la pagina di Facebook).

Contrassegnato da tag ,

Work is not a job

work is not a job

workisnotajob.com

L’ho sempre detto io!

Contrassegnato da tag ,

Il raduno delle impiegate e segretarie dopo la nuova “Riforma delle Pensioni”

riforma pensioni impiegate segretarie precario

Signorine, mi aggiungete tra i contatti di LinkedIn?

via @melodianotturna

Contrassegnato da tag , ,

Un colloquio a IKEA

È sempre utile saper montare un mobile IKEA. Anche per trovare lavoro.

colloquio ikea job interview

Si sbrighi, che poi tocca a me... (vignetta di Canary Pete)

Contrassegnato da tag , ,
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: